| Subcribe via RSS

Formaggio spray, panna aerosol, gelatina colorata

marzo 20th, 2009 Posted in Storie Usa

l fatto è che il resto del mondo non pensa all’America in termini di balletto, poesia, opera, ma in termini di McDonald’s, Hollywood, Disneyland. In termini di auto a forma di hot dog (come quella della società Oscar Meyer), di chioschi di hamburger travestiti da panini con semi di sesamo sul tetto, di ristoranti a forma di bombetta (Brown Derby), a forma di gufo (Hoot Hoot I Scream), i chioschi dei Bonzo-dogs. Ne parlavamo una volta con Michael Stern, storico dell’arte del Rinascimento che, messa nel cassetto la laurea conseguita a Yale, si era riciclato come cultore del pop. I ristoranti a forma di coni gelati, di funghi, di aragosta o di granchio, spiegava, sono costruzioni effimere che nascono dall’architettura stradale californiana, sono icone dirette discendenti della cultura dell’auto; sono segnali inequivocabili che servono ad attirare l’attenzione di chi guida. Così come l’architettura del corso principale di Las Vegas, con gli alberghi a forma di mulino olandese, con il cow boy al neon che gioca a dadi e via di questo passo.

Leave a Reply