| Subcribe via RSS

Strategie e decisioni

novembre 29th, 2010 Posted in Felicità, Libri, Psicologia, Ricette

I seguenti suggerimenti, di fondamentale importanza per vivere una vita gioiosa e in piena consapevolezza, sono tratti da La strategia del topo. Le migliori decisioni sono quelle che si prendono. Come imparare a cogliere le opportunità con intelligenza e capacità di reazione di Rita Pohle, Tea, Milano, 2010.

1. Alcuni eventi accadono senza che si possa avere alcuna influenza su di essi. Per esempio, non si può decidere in merito al fatto che piova, ci s’innamori o cresca l’erba del prato. Ci sono fatti che vanno accolti per come accadono, e che richiedono decisioni personali per reagire a essi in modo adeguato.

2. Prendiamo costantemente decisioni delle quali, di solito, non siamo consapevoli. Chi crede di essere incapace di prendere decisioni si sbaglia: in verità lo fa continuamente! Quando si alza, quando indossa le scarpe marroni anziché quelle nere, quando sceglie di non mangiare un pezzo di cioccolato.

3. Chi non decide da sé, lascia che siano gli altri a farlo. Se si vuole determinare la propria vita, è necessario prendere delle decisioni, altrimenti si finisce con l’essere guidati da quelle degli altri.

4. Una decisione a favore di qualcosa è sempre una decisione a sfavore di qualcos’altro. Nel momento in cui si sceglie una possibilità, spesso si scartano le altre. Non esistono decisioni prefette, ma decisioni migliori e peggiori.

5. Mentre la ragione sta ancora valutando, il cuore ha già deciso da tempo. Talvolta è meglio ascoltare il proprio istinto, anche quando sembra indicarci la strada più scomoda: scegliere un percorso meno agevole può riservare sorprese inaspettate e rivelarsi alla fine un grande vantaggio.

6. La decisione di intraprendere una nuova strada può comportare anche conseguenze spiacevoli. Perciò servono coraggio ed energia! Per godere di una decisione e lasciarsi andare pienamente a qualcosa di nuovo, è necessario separarsi dalle vecchie abitudini e scaricare la zavorra.

7. Sapere cosa non si vuole è il primo passo verso una decisione. Dire espressamente: «NO, in nessun caso desidero ciò!» può accelerare un processo decisionale e rendere possibile una scelta chiara, anche quando a prima vista non sembra tale e anzi parrebbe non condurre da nessuna parte.

8. Non esistono occasioni perdute, soltanto decisioni mancate. Non è mai troppo tardi per soddisfare antichi desideri. La realizzazione della nostra vita è in ogni momento nelle nostre mani.

9. Anche non voler decidere quando si è sotto pressione è una decisione! Alcune decisioni non si possono prendere così su due piedi, ma richiedono un processo di maturazione. In tale processo rientra l’analisi delle diverse alternative prima di compiere una scelta. Anche non prendere nessuna decisione è una decisione.

10. Non esistono decisioni sbagliate: sulla strada verso la meta si devono mettere in conto le deviazioni. La paura delle conseguenze non deve impedire di prendere delle decisioni. Persino una decisione che a posteriori risulta sbagliata porta con sé qualcosa di buono: nuove esperienze, dalle quali si può apprendere per decidere più facilmente la volta successiva.

11. Se si sapesse già cosa decidere, quale immagine suggerirebbe questa decisione? Chi guarda dentro di sé e immagina quali nuove esperienze sarebbero possibili in seguito a una scelta, troverà molto più semplice prendere una decisione.

12. Non si può accontentare tutti con le proprie decisioni. Ma si può accontentare se stessi! Ognuno deve scegliere la propria strada da sé, anche quando ciò comporta decisioni sgradite agli altri e rischia di ferirli.

13. Una decisione è possibile soltanto superando la paura delle conseguenze. La paura dell’ignoto e dei cambiamenti ostacola la volontà di decisione. Ma chi è in grado di vincere questa paura andrà incontro a una vita varia ed emozionante, ricca di opportunità sempre nuove.

Leave a Reply